Quanta emozione in quei segni

DiStaff

Quanta emozione in quei segni

21 aprile 2011

Quanta emozione in quei segni

di Daria Ricci

Antonio Luceri

GUARDA IL VIDEO. Lecce. Una antologica del maestro Antonio Luceri nelle sale dell’ex convento dei Teatini

LECCE – Colori e segni, forme. Emozioni. E le tele del maestro Antonio Luceri. Una sua antologica nelle sale dell’ex convento dei Teatini, sino al 5 maggio. Un allestimento a cura del Comune di Martano e dell’assessorato alla Cultura del Comune di Lecce. E un catalogo a corredo. Curato del critico Toti Carpentieri. Edito dal Raggio Verde, con il progetto grafico di Antonietta Fulvio. Un catalogo/percorso, lo definisce Toti Carpentieri, “che nasce dalla programmazione di tre eventi espositivi, l’uno all’altro conseguente, che legano l’artista al critico, e l’uno all’altro ai luoghi nei quali entrambi hanno avuto modo di vivere nell’esercizio e nel segno della pittura e dell’arte”.

Intensi colori, gioco di forme e geometrie. Ma anche volti di donne. Scrive Toti Carpentieri: “La vivacità della luce e l’eccitazione del colore rappresentano i movimenti e le soluzioni della sua ricerca creativa, in un riandare alla radice di quella pittura espressionista”.

Quella pittura che per Antonio Luceri è libertà: “Dipingere vuol dire essere liberi nei nostri gesti e nelle nostre emozioni”.

Il tacco d’Italia

Info sull'autore

Staff administrator

Commenta